Il fungo che combatte la varroa

Lo studio della Washington State University, apparso su Nature questo mese, offre più che una speranza nella lotta al più temibile nemico delle api da miele: la varroa. Questo acaro, ormai diffuso in buona parte del pianeta, infesta quasi ogni colonia di api. Con una mortalità degli alveari fino al 40%, è diventato il nemico da battere, spesso ricorrendo alla chimica, con tutti i rischi che ciò comporta: presenza di residui nel miele, effetti sub-letali sugli insetti e, non ultimo, la resistenza che il parassita ha sviluppato alle varie molecole utilizzate per abbatterlo.

Il Metarhizium anisopliae, un fungo presente nei terreni di tutto il mondo e noto per il suo potere bioinsetticida (lo si trova commercializzato anche in Italia), è stato il punto di partenza per il dipartimento di entomologia della WSU. I ricercatori hanno lavorato, per anni, alla ricerca di un ceppo di questo fungo capace di resistere alle alte temperature presenti nell'arnia, e ora sono passati alla sperimentazione con ottimi risultati, in laboratorio ma anche in campo.
Un video di 22 secondi, mostra in timelaps, la morte della varroa a opera del fungo.

Ora non ci resta che attendere che il prodotto venga approvato per l'uso da parte degli apicoltori americani e poi di tutto il mondo.

I ricercatori parlano di 10 anni per vedere finalmente sparire la chimica, nella lotta ai parassiti delle api.

 

Se sei qui, vuol dire che hai letto fino in fondo. Non chiediamo nulla per fare informazione e raccontarti quello che nessuno ti dice sull’apicoltura rudimentale e la salvaguardia degli impollinatori, ma tu puoi scegliere di supportarci con una donazione o associandoti. Con il tuo sostegno possiamo pianificare azioni e campagne, continuando a fare il bene delle api e del loro ambiente vitale. Sostieni oggi stesso le attività di Apiantide.