Forse non tutti sanno

Solo l'1% delle api produce miele

Siamo così a digiuno di informazioni sul mondo delle api che per la maggior parte delle persone dire ape significa dire miele. Ma le cose non stanno proprio così. La superfamiglia Apoidea comprende ben 20.000 specie diverse che vivono in tutto il mondo, Antartide escluso e si divide a sua volta in 7 differenti famiglie… che a loro volta si dividono in decine e decine di sottofamiglie, generi, sottogeneri e specie diverse.

I bombi cittadini sono più forti di quelli campagnoli

In questi giorni sui social di Apiantide ci siamo trovati ad argomentare su un assunto che sempre più spesso appare anche sui giornali: gli apoidei urbani prosperano mentre quelli di campagna spesso sono in difficoltà. Difficile a credersi ma ci è capitato di essere attaccati su questo argomento e a poco sono valsi i nostri inviti a consultare i dati reali a riguardo.

Mille parole non servono a convincerti. E una foto?

Ad Apiantide, ogni giorno, cerchiamo notizie serie e interessanti, evitando le favolette sulle api, a favore di una informazione efficace e sostanziosa. Decine di articoli da leggere e capire, spesso da tradurre e riadattare, perifrasi per spiegare i concetti più ostici e poi… basta una buona immagine e ogni parola diventa superflua. Il dipartimento dell’agricoltura americano ha pubblicato la foto che vedete in questa pagina e davvero aggiungere altro sembra inutile.

Uccidere le Api è reato

Sul sito di Apiantide non è difficile imbattersi in notizie ed esclamare: “Questa non la sapevo!”. Siamo certi di aggiungere un’altra chicca alla serie “forse non tutti sanno” parlandovi dei riferimenti di legge che tutelano gli insetti impollinatori anche con il codice penale: l’articolo 727 punisce con un’ammenda da 4000 euro fino all’arresto da uno a sei mesi chi uccide, cattura o detiene (senza autorizzazione) animali importanti come le api.

Le api che dormono nei fiori

Uno scatto fotografico da premio, riportato da molti siti negli ultimi mesi, è quello che ritrae due api accoccolate in un fiore di malva e realizzato da Joe Neely. Si tratta di due esemplari di Diadasia Diminuta una delle 2000 speci di api che popolano il nostro pianeta.

I 63 numeri che raccontano la diminuzione degli impollinatori

Grazie all'ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, esiste un bellissimo "quaderno" dal titolo Il declino delle api e degli impollinatori. Le risposte alle domande più frequenti. Una lettura che qui ad Apiantide abbiamo fatto a occhi sgranati. Materiale che spiega esattamente perchè siamo nati come associazione: imperdibile. Qui ne abbiamo realizzato un estratto che contiene quasi esclusivamente numeri... da pazzi. 45 pagine riassunte in 63 numeri. Un esercizio di stile da ripetere.

Le dimensioni contano: le bug house

Quando si parla di rifugi per api solitarie "piccolo è meglio". Questi insetti prònubi, che appartengono alla famiglia delle più note api da miele, preferiscono nidificare in piccoli interstizi o fori, evitando i grossi assembramenti dati dagli alveari. L'uomo lo ha scoperto e da alcuni anni sono sempre più diffusi i bug hotel, gli hotel per gli insetti.

Le api, il covid e il distanziamento sociale

Le api, come gli uomini, sono animali altamente sociali. Un alveare è come un grande agglomerato urbano: migliaia di individui lo abitano a stretto contatto gli uni con gli altri. In un alveare, oltre alla regina dedita esclusivamente a deporre le uova, ci sono i fuchi (i maschi) e le operaie: sono tute femmine sterili e tra di loro sorelle. Sono il vero motore dell'alveare e svolgono ogni tipo di mansione, dalla ricerca del cibo alla pulizia della colonia, dalla costruzione dei favi all'allevamento della prole.

I fiori invisibili alle api

I papaveri, i gerani rossi, le rose scarlatte e persino i garofani rossi: queste sono alcuni dei fiori che le api non visitano. E la questione non riguarda certo il sapore del nettare o del miele di queste piante ma da un motivo che gli scienziati hanno studiato svelandone l'arcano. Le api, insetti che da millenni affascinano l'uomo, vedono il bianco come una miriade di sfumature che vanno dal verde al blu, dal giallo all'arancione passando per tutta la gamma dell'ultravioletto: tutti i colori, la cui somma, noi vediamo come bianco.

Il miele: un furto lungo secoli.

Quando acquistiamo un barattolo di miele siamo (quasi sempre) certi di comprare un prodotto naturale e dalle numerose qualità nutritive. Diamo per scontato che il buon consumatore si accerti che la provenienza del suo miele sia italiana e che quindi sia pronto a  spendere non meno di 10 euro al chilo per il suo acquisto.

Ma sappiamo davvero come viene prodotto il miele che abbiamo appena comprato?

Pagine